St Jean-Marie Vianney, il santo curato d’Ars in Africa

Il 4 agosto, il calendario liturgico romano celebra la memoria di St Jean-Marie Vianney, il santo curato d’Ars, da due anni patrono, oltre che di tutti i preti, anche della nostra nuova parrocchia. La scorsa settimana abbiamo cominciato la preparazione alla festa patronale con una “kermesse” (degli stand con giochi a premi e cibi tipici in vendita) e con il “taglio della torta” dopo la messa: provate ad immaginarvi un migliaio di persone che cantando, si mette in fila pazientemente davanti a due normali torte margherita, per arrivare a riceverne un minuscolo pezzetto di circa 1 cm cubo e intanto mettere in un cesto la propria busta contenente l’offerta per la costruzione della chiesa. Quanto pensate possiamo aver raccolto? Ve lo dico io: 780 euro (fatte le debite proporzioni, farebbe invidia ai parroci più intraprendenti)! Non pensate che sia un altro segno forte del fatto che la gente di qui si stia dando da fare veramente per avere la sua chiesa?!? Ed è anche un ringraziamento nei confronti di chi ci sta aiutando dall’Italia per lo stesso scopo. Continua a leggere

Annunci

Comunità cristiane dalla Brianza alle Ande

Comunità cristiane antiche e nuove.

Una piccola riflessione sulla vita comunitaria nel 2010

Nei pochi giorni passati in Italia ho potuto notare molta effervescenza in relazione alla novità delle comunità pastorali ed ho ricevuto parecchie domande sulla organizzazione della vita comunitaria in parrocchie molto estese come la mia parrocchia Jesús Divino Maestro a Huacho -Perú.
Spronato da persone amiche provo a scrivere qualche riga a partire dall’esperienza personale, sapendo che ci sarebbe bisogno di un approfondimento maggiore, ma nella speranza che possa servire almeno a
qualcuno.

Anzitutto molte volte mi hanno chiesto: ma come fa un prete solo con 30.000 abitanti?
Non soffre di non poter arrivare a tutti?
Certamente: uno si trova di fronte a una impresa impossibile: anche solo conoscere tutti i parrocchiani. La maggioranza per me è e resterà senza nome per sempre.
Occorre essere realisti: un prete da solo non può arrivare a tutti e neppure può essere l’anima di tutti i gruppi parocchiali.

Mi sembra che in questo caso di virtù si fa necessità:
che i laici assumano spazi di azione, formazione, coordinamento è senza dubbio qualcosa di salutare per la chiesa (una “virtù”), ma in contesti di carenza di sacerdoti diventa l’unico cammino percorribile.
Così, spesso, laici scoprono di essere capaci di apportare alla vita della chiesa, chiedono di essere formati e si entusiasmano!

In ogni caso sono consapevoli che non si sostituiscono al sacerdote, e ricorrono a lui frequentemente, ma soprattutto per la richiesta di servizi religiosi propri del suo ministero: specialmente la celebrazione delle messe, ma anche benedizioni e tutti gli altri sacramenti.

Il punto più interessante mi sembra però la concezione di parrocchia come “comunità di comunità”.
Anche in una periferia apparentemente anonima, le persone si identificano molto con il proprio quartiere, si sentono animate nella perseveranza cristiana dal proprio santo patrono e richiedono una attenzione particolare al proprio settore, anche se a volte un po’ campanilistica.

Ecco dunque la risposta della chiesa latinoamericana a fronte di questa situazione: le “Comunità Ecclesiali di Base”, che rendono visibile l’essere parrocchia: “Chiesa fra le case”.
Le CEB sono gruppi di laici che si radunano nelle case di un quartiere per vivere una esperienza cristiana comunitaria attraverso incontri settimanali incentrati sulla parola di Dio.
Il metodo è quello del vedere – giudicare – agire.
Si parte dal riconoscimento della propria realtà sociale, dai problemi diffusi esistenti (vedere).
Si legge la parola di Dio per lasciarsi illuminare dallo Spirito del Signore (giudicare).
Si scelgono impegni personali e comunitari che “dimonstrano la fede con le opere” (agire).

E in Italia come sarà?
Chissà, forse proprio i numerosi gruppi di Ascolto della Parola e tutte le altre forme di vita comunitaria cristiana sono i giardini dove crescerà la pianta di una vita in comunità piena, anche in una stagione dove diminuisce il numero di sacerdoti presenti sul territorio.

Una nuova parrocchia a Djamboutou

Scrive don Alberto dell’Acqua

Se avete perso le “puntate precedenti” di questa nostra corrispondenza vi ricordo che, insieme a don Daniele, attuale parroco di Djamboutou – Garoua, sto accompagnando la parrocchia St.Charles Lwanga (che da 27 anni è guidata dai vari preti “fidei donum” della diocesi di Milano succedutisi) ad essere consegnata nelle mani del clero locale camerunese. In previsione di questa consegna, il Vescovo di Garoua, mons. Antoine Ntalou, ci ha chiesto la disponibilità di guidare la nascita di una nuova comunità parrocchiale (e a me ha chiesto – per ora solo ufficiosamente – di diventarne il parroco). La nuova parrocchia che è sorta a Ngalbidjie, un quartiere periferico della città, e che è dedicata a St. Jean-Marie Vianney, il santo curato d’Ars e patrono di tutti i preti, è stata creata il 25 gennaio di quest’anno. Non ha né chiesa (i tanti fedeli – per ora e per un bel po’ di tempo ancora – per celebrare la messa domenicale, si ritrovano in un cortile, sotto ripari di paglia), né presbiterio, né altre strutture. Attendiamo i successivi passi del Vescovo e nel frattempo io mi preparo al futuro, restando per ora comunque concentrato sul mio lavoro di sempre, da 4 anni a questa parte, con i ragazzi, i giovani e le 20 comunità cristiane dei villaggi di Djamboutou.
Continua a leggere