Dio mi ha toccato il cuore: testimonianza Fidei Donum dal Guatemala

L’incantevole scenario di Villa Bruno a San Giorgio a Cremano ha fatto da sfondo alla presentazione del libro “Dio mi ha toccato il cuore. Silenzi, sguardi, povertà e speranze di un popolo a colori” scritto da padre Angelo Esposito, sacerdote napoletano scelto da oltre due anni dal cardinale Crescenzio Sepe come Fidei Donum della Diocesi di Napoli per il Guatemala. Alla manifestazione di presentazione del libro erano presenti anche il sindaco di San Giorgio Domenico Giorgiano e l’assessore Renato Carcatella.
Il libro è il diario della sua missione in Guatemala. Una esperienza davvero toccante quella che padre Esposito ha vissuto nel paese centroamericano. Infatti la sua opera si è rivolta soprattutto verso i bambini che lasciano la scuola per andare a lavorare nelle discariche. Una drammatica realtà che purtroppo quotidianamente si consuma davanti all’indifferenza del mondo intero. Il Guatemala ha il più alto tasso di abbandono scolastico. Continua a leggere

Solidarietà dei missionari italiani in Perú con padre Mario Bartolini

Carissimo padre Mario

Non ci conosciamo… pero noi sappiamo qualcosa di te. Siamo un gruppo di missionarie e missionari italiani – laici, religiosi e sacerdoti – presenti in Perú e riuniti in questi giorni per l’incontro annuale promosso dal CUM (Centro missionario della CEI), in Chaclacayo alla periferia di Lima.

Il tema che abbiamo scelto per questo incontro é stato: “Perú: cammino all’inclusione e integrazione di “todas las sangres”, affinché tutti e tutte “abbiano vita e vita in abbondanza”

Ci sembra un tema importante, poiché riflette un aspecto preoccupante della societá peruana e non solo peruana.

I fatti di Bagua del 5 di giugno 2009 sono solo un segno di una societá malata, escludente, disuguale e ingiusta.

Lo abbiamo visto, riflettuto in questi tre giorni, grazie anche alla testimonianza tua, del padre Pio Zarrabe e di Mons Astigarraga che abbiamo ascoltato e visto in un video che l’amico Constante Diaz ci ha fatto avere.

Ti scriviamo per ringraziarti della tua testimonianza e impegno con la gente che il Dio della vita ti ha affidato. Ma anche per esprimerti la nostra solidarietá in questi momenti difficili di calunnie, di persecuzione, di minacce. Sappiamo peró che queste sono conseguenza della tua fedeltá al vangelo e a Gesú, venuto affinché tutti e tutte, nessuno escluso, “abbiano vita e vita abbondante”, piena e degna. Continua a leggere

Helder Camara e Benedetto XVI in dialogo sulla pace

Il prossimo 21 gennaio 2010 la chiesa Regina Pacis di Cusano Milanino ospiterà la quarta edizione dei “Dialoghi di Pace”.

In questa chiesa che risale ai primi decenni del Novecento e che ha importanti parallelismi con le vicende belliche del secolo scorso, questa originale iniziativa di sensibilizzazione sulla pace sta diventando una piccola tradizione locale che cresce di anno in anno coinvolgendo le parrocchie circostanti, i decanati di riferimento e le intere comunità civili di Cusano Milanino, Cinisello Balsamo, Bresso e Cormano.

Si tratta di una lettura scenica dell’annuale messaggio pontificio di Capodanno, suddiviso fra attori-lettori le cui voci si intrecciano e si incalzano come in un vero e proprio dialogo.

Il titolo del messaggio di Benedetto XVI per la Giornata Mondiale della Pace 2010 “Se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato” rimanda al legame fra il rispetto dell’ambiente naturale e la costruzione della pace fra i popoli e le persone.

Un legame ben presente a dom Helder Camara, il vescovo brasiliano definito il “Gandhi cattolico”. In chiusura delle celebrazioni per il centenario dalla sua nascita l’edizione 2010 dei Dialoghi di Pace proporrà anche la lettura di suoi brevi testi dedicati alla relazione dell’uomo con la natura e con la dimensione del soprannaturale cui rimanda: meditazioni che restituiscono la freschezza e la semplicità di questa grande personalità del Novecento.

Come sempre sarà presente la musica: nella funzione di amalgamare i testi ed offrire momenti di meditazione al pubblico… con l’energia della sezione fiati di un’orchestra blues!

Infine, seppure non di persona, sarà comunque nel cuore di tutti i presenti l’attore Ivo Bucciarelli, deceduto la scorsa estate e carismatico interprete nel 2009. Pur nel dispiacere di non poterlo ascoltare, consola pensare che, a conclusione di una importante carriera artistica, la sua ultima “esibizione” sia stata il prestare la propria voce al Papa per la nobile causa della Pace!

Una più ampia presentazione dell’iniziativa è su: http://www.chiesadimilano.it/or4/or?uid=ADMIesy.main.index&oid=2364215

Egidio Bisol, nuovo vescovo di di Afogados da Ingazeira

Benedetto XVI ha nominato vescovo di Afogados da Ingazeira (Brasile) mons. Egidio Bisol, 62 anni, del clero della diocesi di Vicenza, fidei donum nel nord-est brasiliano, terra castigata dalla siccita’ e caratterizzata da conflitti per la terra e da forte diseguaglianze sociali.

Fin dal suo arrivo in America Latina nel 1976 Egidio Bisol ha risposto al “clamore” del popolo impoverito del sertao, accompagnando percorsi di formazione dei laici e delle comunita’ ecclesiali di base. In particolare si e’ impegnato nell’ambito della Pastorale giovanile dell’ambiente popolare PJMP, della Pastorale do Menor, prima a Sao Jose do Egito e poi a Serra Talhada, nello stato del Pernambuco, a 400 km da Recife. Ha sempre mantenuto legami con l’Italia e in particolare con la commissione ecclesiale “Giustizia e Pace” della Parrochia di San Clemente di Valdagno (VI) dove e’ stato ordinato sacerdote, appoggiando i “campi-scuola in Brasile” organizzati dal Centro Missionario Diocesano di Vicenza, seguendo progetti di cooperazione internazionale con l’ONG Movimento Laici per l’America Latina MLAL-Progetto Mondo, con le volontarie vicentine Wilma Caon, Rosanna Gasparotto e Enrica Rosato. Il ponte di Solidarieta’ si e’ consolidato attraverso progetti di sostegno alla locale Commissione Pastorale della Terra CPT, attraverso il legame con Alzeni Tomaz, minacciata dai fazendeiros, impegnata nella CPT regionale e ora nel progetto Rio San Francisco (http://www.selvas.eu/Brazil2002.html ).
Continua a leggere

I missionari Ambrosiani salvi dopo il terremoto di Haiti. Ecco come aiutare

Don Mauro Brescianini e don Giuseppe Noli sono riusciti a contattare via e-mail la curia di Milano facendo sapere che sono a Port-de-Paix, nel nord del paese, e stanno bene.

Maddalena Boschetti, missionaria laica ambrosiana, è riuscita a parlare al telefono con le sorelle facendo sapere che lo spavento è stato immenso ma sia lei che i bambini ospitati nella struttura dei camilliani dove lei era al momento del terremoto, stanno bene.

Lucrezia Stocco
, volontaria laica della Fondazione Francesca Rava, fortunatamente si trovava nell’unico ospedale che non è crollato, ed è quindi salva. Lucrezia, volontaria originaria della parrocchia di Mezzana di Somma Lombardo (Va), è impegnata nella capitale dell’isola caraibica nell’Ospedale Saint Damien a Petionville (nella periferia di Port au Prince) gestito dalla Fondazione «Francesca Rava». È uno dei progetti che la fondazione Francesca Rava – Nph onlus ha realizzato, con orfanotrofi e scuole di strada, per dare sollievo ad una popolazione da anni in grande difficoltà. Questa popolazione, da oggi in ginocchio, ha più che mai bisogno del nostro aiuto.

Invece, di suor Luisa Dell’Orto, missionaria delle Piccole Sorelle del Vangelo, originaria di Lomagna (Lecco) non si hanno ancora notizie. (P.S. poche ore dopo questa nota, suor Luisa è stata contattata, come testimoniano i commenti a questo articolo)

COME AIUTARE
È possibile donare il proprio contributo tramite la Caritas Ambrosiana.
Donazione diretta: Ufficio Raccolta Fondi di via San Bernardino 4 a Milano, dal lunedì al giovedì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30, il venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30. Conto corrente postale n. 13576228 intestato a Caritas Ambrosiana ONLUS.
Conto corrente bancario Agenzia 1 di Milano del Credito Artigiano intestato a Caritas Ambrosiana ONLUS IBAN: IT16 P 03512 01602 000000000578.
Tramite carte di credito: donazione telefonica chiamando il numero 02.76.037.324 in orari di ufficio (vedi sopra).
Causale delle offerte (detraibili fiscalmente): “Emergenza terremoto Haiti 2010”.

Uniti nella preghiera.
Le comunicazioni sono ancora molto difficili, ma se avremo altri aggiornamenti ve li faremo avere.
Chiediamo a tutti una preghiera per gli abitanti di Haiti, anche se sappiamo che già starete pregando per loro.
Noi in Perù pregheremo comunitariamente nella messa di domenica.