Padre Julio Parrilla Díaz nombrado obispo de Loja

CIUDAD DEL VATICANO, viernes, 18 abril 2008 (ZENIT.org).-Benedicto XVI ha nombrado obispo para la diócesis de Loja en Ecuador al padre Julio Parrilla Díaz, hasta ahora párroco en Quito, presidente de la Comisión de Pastoral Social de esa Arquidiócesis y presidente de la Fundación ADSIS en Ecuador, informa este viernes la Oficina de Información de la Santa Sede.

El padre Parrilla nació en Orense (España) el 25 de marzo de 1946 y recibió la ordenación sacerdotal el 30 de marzo de 1975, incardinándose en la diócesis de Salamanca. Continua a leggere

Annunci

p. Alessio Lucchini – Le orme di um cammino. Diario poco ordinato di um cammino per alcuni sentieri dell’America Latina – 03

Carnaubeira 02-03-2008

Eccomi di nuovo qui per raccontarti un altro pezzo di strada e, se ci riesco, per farti assaporare le realtà che sto incontrando.

Ci siamo lasciati che ero nel seminario di Santarém, sabato 16 di febbraio. L’aereo è partito la domenica mattina alle 6.30, direzione Fortaleza. Io e Orazio siamo arrivati nella città della terra del sole poco dopo mezzogiorno e c’era già ad aspettarci padre Adolfo, un camilliano che da 30 anni è in missione nel Brasile. È arrivato in Brasile come ostetrico, per amministrare un ospedale, dapprima nello stato di Amapà e poi a Fortaleza. Però nella sua attività si è sempre più convinto che la sua vocazione non era per l’amministrazione, così ha cominciato a dare assistenza alle ragazze-madri facendo il “pre-natale”, accompagnando la loro gravidanza, visitando anche i luoghi di prostituzione, da dove generalmente provenivano le ragazze che lui seguiva. In questa missione, lui ha capito la necessità di essere accompagnato da alcune donne e così è nata la comunità delle missionarie camilliane di Maria madre della vita. Al momento ci sono tre case dove operano queste missionarie, due in favelas della città di Fortaleza e una nella città di Quixadà. Si può riassumere in questo la loro opera: visita per le strade incontrando le ragazze e donne che vivono in una situazione di violenza e prostituzione, visita nelle case alle famiglie, evangelizzazione, attenzione alla salute (“pre-natale”, accompagnamento psicologico…), casa di accoglienza per adolescenti gravide, incontri formativi, corsi di avviamento professionale, reinserimento nella società. Continuando il mio diario. Continua a leggere