«Vento frusciante» , l’arcivescovo dei Nativi a Philadelpia

Nella lingua della sua gente lo chiamavano «Pietasa» , nomignolo che sta per «vento frusciante», in inglese «rustling wind» . All’anagrafe si chiama invece Charles Joseph Chaput, ha 66 anni ed è destinato a diventare il primo cardinale pellerossa— o più propriamente «nativo americano» — nella storia della Chiesa cattolica. Benedetto XVI, infatti, lo ha nominato ieri arcivescovo di Philadelphia, diocesi antica e tradizionalmente «cardinalizia» negli Stati Uniti.

Una nomina voluta personalmente dal Papa. Ratzinger ha grande stima per questo francescano — è un frate minore cappuccino— che è stato il secondo vescovo e il primo arcivescovo nativo americano negli Stati Uniti, quando nel ’ 97 venne nominato da Wojtyla arcivescovo di Denver, dov’è rimasto finora. A Philadelphia succede al cardinale Justin F. Rigali, in pensione a 76 anni: poiché la prassi vuole che una stessa diocesi non abbia due cardinali elettori — ovvero sotto gli 80 anni — l’arcivescovo Chaput dovrà probabilmente aspettare 4 anni prima di entrare nel collegio cardinalizio. Anche se ieri lui si schermiva: «La gente lo presume, però io non penso che ci sia alcuna garanzia o connessione…» . Ma la strada è tracciata, per il teologo nato in una famiglia contadina in Kansas, membro della tribù nativa americana dei «Prairie Band Potawatomi» , che entrò nell’ordine francescano a 21 anni per poi laurearsi in filosofia e teologia. Nella Chiesa Usa fa parte della commissione sulla «diversità culturale» e presiede quella sui nativi americani. È ritenuto un ultraconservatore, anche se non condivide: «Cerco solo di essere fedele al magistero della Chiesa» . A dimostrazione della stima di cui gode, Chaput è stato tra l’altro uno dei «visitatori» della Santa sede nei Legionari di Cristo ed è una «firma» dell’Osservatore Romano: quando tre anni fa apparve negli Usa il suo libro più famoso e discusso, Date a Cesare, il quotidiano lo recensì in anteprima, con Robert Imbelli. Gian Guido Vecchi sul Corriere di oggi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...