L’identità spirituale del monoteismo è una ricerca continua

Mi è piaciuto molto il commento ai capitoli 3-8 di 1Sam fatto recentemente da Moni Ovadia nella trasimissione radiofonica “Uomini e profeti“.
Riporto alcuni appunti che ripropongono la freschezza del parlato e l’intensità dei contenuti.

Noi continuiamo a definire Dio, ma il fideismo cieco in un oggetto non serve a niente. Neanche l’arca è il Signore.
C’è una dimensione del divino che nella sua onnipotenza ha accettato di lasciare spazio all’uomo e di ritrarsi.

La libertà è rischio.

Si può idolatrizzare anche il Santo Benedetto.

Noi continuiamo a definire Dio. Abbiamo reso presente quello che è nella dimensione del futuro. “Sarò Colui che sarò”.
L’identità spirituale del monoteismo è una ricerca continua.

Dio è disposto ad abbandonare il suo popolo se serve per fargli capire, ma non è disposto ad accettare gli idoli.

Che cos’è il Dio di Israele? Io sono la libertà assoluta, che libera da tutti gli egitti.

I monoteismo è inconciliabile radicalmente sia con il potere verticistico sia con i nazionalismi.Il monotesimo risponde all’idolatria con la libertà.

Le comunità religiose che usano i testi sacri per difendere il potere hanno preso una strada luciferina.

Costa caro essere liberi, ma bisogna pagare il prezzo.

La grande sfida è viver da stranieri fra gli stranieri nella tua terra praticando l’economia di giustizia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...