Il papa a Brescia: Paolo VI volle la chiesa povera e libera

Secondo Benedetto XVI, questo è l’anelito di fondo del Concilio Vaticano II.


“La Chiesa dev’essere povera e libera per riuscire a parlare all’umanità contemporanea”. Così, citando il predecessore Paolo VI, Benedetto XVI ha ricordato l’importanza della Chiesa nella salvezza dell’umanità e l’esigenza di stabilire un rapporto di conoscenza e amore con la società, nell’omelia della messa che ha presieduto a Brescia, nel cuore della diocesi dove nacque nel 1897 Papa Giovan Battista Montini.
Nel video possiamo ascoltare la voce di Benedetto XVI che ricorda così papa Paolo VI: “Egli ha dedicato tutte le sue energie al servizio di una Chiesa il più possibile conforme al suo Signore Gesù Cristo, così che, incontrando lei (la chiesa), luomo contemporaneo possa incontrare Lui, Cristo, perché di Lui ha assoluto bisogno. Questo è l’anelito di fondo del Concilio Vaticano II”.

Annunci