Lettera dall’Uruguay

¡Hola Italia!

Siamo Mayra e Fabiana, due religiose della Comunità Vianney. Questa comunità è una fondazione uruguaya la cui storia risale all’anno 1999. Tutto iniziò quando un gruppo di giovani scopre come vivere la volontà di Dio. Da luoghi e realtà distinte abbiamo sentito che Dio ci chiamava a dedicargli la nostra vita in un modo speciale che ci univa in un unico progetto comune. I nostri primi passi per poter discernere quello che Dio ci chiedeva sono legati ad un luogo ed una persona: la parrocchia Santa Maria de la Ayuda nel quartiere del Cerro di Montevideo, e il padre Juan Silveira, il nostro fondatore. Nel 2000 abbiamo accettato la sfida di vivere in comunità con le sue allegrie e i suoi ostacoli, una esperienza che ci portò a vivere più radicalmente questo stile di vita all’interno della Chiesa.

Il nome della nostra comunità è strettamente legato al nostro carisma, visto che il nostro compito pastorale si sviluppa in un contesto parrocchiale e in stretta collaborazione con il parroco. Per questo abbiamo scelto San Giovanni Maria Vianney, patrono dei parroci, come modello di vita e dedicazione al progetto divino. Questo progetto si plasma nel nostro carisma che è il dono di far sì che ogni persona e soprattutto i giovani, arrivi a scoprire l’amore di Dio che ha fatto di ogni uomo e donna una creatura nuova per la vita del Regno.

Uno dei luoghi dove ci troviamo è il quartiere di Santa Catalina, dove viviamo già da 4 anni. Abitiamo in una casa di fianco alla cappella di Santa Catalina che appartiene alla parrocchia del Santo Curato di Ars e Santa Elena. Il nostro compito specifico in questo luogo è il lavoro con gli adolescenti, l’

accompagnamento nella crescita della fede degli adulti e la costante presenza nel quartiere visitando familie e giovani ragazze madri.

Questo per quel che riguarda i nostri compiti pastorali; in aggiunta, per poterci mantenere, dobbiamo lavorare. Mayra lavora nel collegio Santa Clara come maestra e coordinatrice del catechismo, Fabiana nel Tribunale Ecclesiastico della Curia di Montevideo come notaia. Nel nostro tempo libero cerchiamo sempre di svolgere delle attività in comunità; ci piace cucinare (e cucinano molto bene!), leggere, ascoltare musica e guardare film. Abbiamo anche degli altri coinquilini: due gatti (Juanma e Betsa) e due cani (Elías e Maika).

Ci piacerebbe accompagnare di più la vita della comunità parrocchiale nei suoi diversi centri, progetto che non possiamo mettere in pratica a causa delle distanze geografiche e dei cattivi collegamenti degli autobus. Il nostro sogno è di poter comprare una moto per poter rimediare alle distanze e accompagnare tutti i membri della comunità parrocchiale, però finora non ci è stato possibile realizzare questo sogno per motivi economici.

Quando abbiamo conosciuto i genitori di Elisa e abbiamo condiviso con loro una cena, ci hanno proposto di scrivere sul Mate Compartido e spiegarvi la situazione, chissà a qualcuno possa interessare un micro-progetto del genere…

Per ora grazie per aver speso 5 minuti per conoscerci e speriamo di vedervi tutti faccia a faccia qui a Santa Catalina!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...