“…dite: è la carezza del Papa” In memoria di Giovanni XXIII un riconoscimento ai missionari bergamaschi

1 commento

Tre missionari di Bergamo sono stati nominati per un importante riconoscimento istituito dalla loro diocesi di origine.
Ci scrive il Centro Missionario Diocesano: “L’idea di riconoscere in un premio questa realtà è in ragione di un segno: la vita missionaria è un valore che non possiamo e non dobbiamo perdere, è una vocazione per rendere più bella la vita. A tutti e ciascuno, a modo suo, andrebbe riconosciuto un premio, individuarne alcuni è sottolineare una dimensione dell’impegno missionario per rinnovare l’impegno su tutti i fronti: dalla parrocchia ai gruppi, dalle famiglie ai singoli“.
Ecco i missionari ai quali è riconosciuto il premio edizione 2011:
Altro

La diocesi di Bergamo si prepara a celebrare e far memoria di 50 anni di missione Fidei Donum

Lascia un commento

L’anno prossimo sarà mezzo secolo: cinquanta anni da quando i primi missionari bergamaschi partirono per la Bolivia, dando vita alla prima missione diocesana. Venerdì 14 ottobre il Consiglio pastorale diocesano ha riflettuto sull’impegno missionario in vista dell’anniversario.

Don Luigi Boffi ha ricordato: «Era l’11 ottobre del 1962 quando partirono i primi due missionari diocesani bergamaschi: erano don Berto Nicoli e don Luigi Serughetti, partirono proprio nel giorno di apertura del Concilio. Partirono per decisione dell’arcivescovo di Bergamo, Clemente Gaddi, che raccolse una richiesta di aiuto da parte del vescovo di La Paz».

«Nel 1976 si diede avvio alla missione bergamasca in Costa d’Avorio e nel 1999 fu il vescovo Amadei che diede il via alla missione diocesana a Cuba, nella diocesi di Guantanamo. Oggi sono 33 i missionari diocesani bergamaschi impegnati con la formula del “Fidei donum”. Ventisei sono i laici. In appoggio ai missionari diocesani ricordiamo l’impegno delle suore Orsoline di Somasca, delle Poverelle (le famose “martiri dell’Ebola”, presenti anche in diocesi di Huacho, Perù), del suore del Sacro Cuore e delle Sacramentine…».

«Da quel 1962 sono cambiate radicalmente le condizioni, le chiese locali diventano sempre più consapevoli della loro identità, sempre più robuste. A questo punto è giusto chiedersi che cosa vogliamo fare per il futuro, come interpretare la missionarietà della nostra diocesi».

Al termine della riunione il vescovo Francesco Beschi ha posto al Consiglio due percorsi di lavoro:

  • Che cosa ha comportato questa storia di missione per le nostre parrocchie e per la nostra diocesi?
  • Quali scelte dobbiamo compiere per continuare un cammino missionario alla luce di questa storia?.

I fidei donum della diocesi di Verona nella Cuba dell’ateismo di stato

Lascia un commento

L’esperienza missionaria di don Gianfranco Falconi, e di don Giovanni Birtel fidei donum veronesi a Cuba.


Altro

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: